E’ morto Carlo Azeglio Ciampi

ciampiSi è spento questa mattina a 95 anni in una clinica romana il presidente della Repubblica emerito Carlo Azeglio Ciampi, al suo fianco fino alla fine la moglie Franca.

L’ex presidente giorni fa era stato sottoposto ad un intervento chirurgico che lo aveva indebolito per via della sua avanzata età.

E’ nato il 9 dicembre del 1920 a Livorno, è stato governatore della Banca d’Italia dal 1979 al 1993, anno in cui venne eletto Presidente del Consiglio, mandato che durò solo al 1994.

Dopo vari incarichi fu eletto nel 1999 presidente della Repubblica, incarico che durò fino al 2006.

Carlo Azeglio Ciampi era un uomo che amava i giovani, non si stancava mai di dare loro consigli per il loro futuro.

Nelle prossime ore si saprà lo svolgimento della camera ardente e delle esequie.

Vicini curiosi? Il rimedio: le tende oscuranti

tenda oscuranteVi è mai capitato di tornare esausti dal lavoro, prepararvi una cosa al volo, sedervi finalmente a tavola e ad un tratto sentirvi osservati dal vicino affacciato alla finestra di fronte? In queste situazioni si potrebbe optare per l’avvolgimento repentino della serranda, rischiando di urtare lievemente la sensibilità del vostro vicino, oppure sigillare le imposte, scegliendo di consumare un pranzo al lume di candela. E se invece decidessimo di acquistare delle tende oscuranti?

Le nostre abitazioni sono sempre più inserite in complessi residenziali multipli dove almeno una delle nostre stanze si troverà a condividere la vista di un’abitazione di fronte alla nostra. Si potrebbe pensare sia soltanto un problema che riguardi le grandi città vittime dei processi di urbanizzazione sempre più incalzanti. Eppure, il problema di finestre e balconi paralleli tra più abitazioni si riscontra soprattutto nei piccoli centri di provincia, dove le dimensioni ridotte delle vie dei centri storici rendono gli spazi tra un’abitazione e l’altra sempre più angusti.

Sentirsi protetti nella nostra casa, lontani dagli sguardi incuriositi dei nostri vicini è un bisogno di vitale importanza. Quando gli spazi esposti all’osservazione riguardano le camere da letto o i servizi igienici, il rischio di mettere a repentaglio la nostra privacy e quella dei nostri affetti più cari è molto elevato. Ecco perché nella scelta dell’arredamento non si può prescindere da una prima valutazione oggettiva dell’esposizione reale della nostra abitazione.

In tal senso, l’acquisto di un accessorio come le tende oscuranti può ridurre di gran lunga la nostra esposizione forzata. Un’azienda nota nel settore delle tende oscuranti è la Resstende, un’azienda italiana leader nel settore protezione solare, l’unica azienda del settore che produce esclusivamente tende tecniche avvolgibili, apprezzata da progettisti e architetti di fama internazionale. La particolarità delle tende oscuranti della Resstende è la possibilità del loro impiego nelle sale congressi multimediali o meeting, all’interno delle quali vengono utilizzati dei proiettori utili per la visualizzazione di presentazioni, diapositive e filmati. Questa tipologia di tende oscuranti a rullo ha un costo vantaggioso e una vasta scelta di guide e cassonetti, disponibili in molteplici colori e forme. L’azienda Resstende produce altri modelli di tende oscuranti, caratterizzati dall’uso di specifiche guide che mantengono i tessuti tesi, chiudendo gli spazi laterali per evitare che la luce possa filtrare.

Rivolgersi ad un’azienda professionale nel settore ci indirizza verso un acquisto più consapevole, aiutandoci a compiere un investimento mirato a lungo termine. Da anni gestori di Hotel e organizzatori di meeting e sale congressi ricorrono all’utilizzo delle tende oscuranti, per garantire ai propri ospiti una permanenza sicura da occhi indiscreti e, nello stesso tempo, di alto livello delle performance.

L’origine etimologica della parola tenda, dal latino tardo tĕnda, tendĕre ‘tendere’, rievoca il concetto di drappo di tela che viene steso sopra o davanti a ciò che si vuole riparare o nascondere; in particolare, il drappo di tessuto, che si lascia pendere all’interno delle finestre o davanti alle porte negli appartamenti, per riparo dalla luce, dalla vista o per ornamento.

Casa nuova? Non possono mancare le tende

tendeQuando si pensa all’acquisto di una nuova casa o, perché no, a restituire un tocco di novità e freschezza alla propria abitazione, non si può prescindere dall’acquisto di una tenda per interni. Il colore delle pareti, la tipologia dei punti luce e dei vari accessori costituiscono di certo un passaggio cardine nella scelta dello stile di arredamento. Ma ciò che conferisce agli ambienti quel tocco in più di eleganza sono senza dubbio le tende.

L’acquisto delle tende per interni rappresenta per molti un percorso tortuoso e pieno di insidie. Riuscire a coniugare la varietà dei tessuti esistenti in commercio con lo stile scelto per la propria dimora, cercando di rispettare anche i limiti dei budget limitati dei tempi di oggi, non è un’impresa da poco. Se a questo aggiungiamo inesperienza e poco tempo a disposizione per constatare di persona cosa ci offre il mercato, la confusione potrebbe regnare sovrana.

Ecco perché bisogna sempre affidarsi a dei veri professionisti del settore, capaci, con la loro pluriennale esperienza, di guidarci in una scelta consapevole, della quale non dobbiamo pentirci al risveglio di ogni mattina.

In questo, un professionista leader nel settore è BrianzaTende, una nota azienda italiana che vanta un’ampia scelta di tende per interni. Una sicura garanzia sulla qualità dei prodotti, che offrono al cliente, grazie alla varietà dei tessuti e dei colori offerti, l’occasione ideale per creare gli effetti di luce necessari all’armonia dei colori e degli ambienti.

Nel catalogo presente sul sito della nota azienda è possibile apprezzare le diverse tipologie di tende per interni, suddivise in più categorie. La prima in elenco è rappresentata dalle tende a pacchetto arricciate. Configurandosi come la scelta ideale per arredare un salotto, vantano sistemi laterali, curvi, ad arco, di scorrimento con profili in alluminio a scomparsa. Sono installabili a parete o a soffitto con binari a corda, cavi in acciaio o bastoni di varie tipologie, in acciaio lucido o satinato, ferro battuto o in classico ottone. La seconda tipologia è costituita dalle tende a pacchetto. Adattandosi sia allo stile moderno che a quello classico, variano dalla più piccola a vetro a quella più ampia ed elaborata, con comandi manuali o motorizzati di ultima generazione. La terza tipologia mette in evidenza le tende a pannello.  Disponibili su profili da due a cinque vie, sono versatili sia in ambienti da lavoro sia come divisorio per separare gli ambienti. Sono adatte a tutti gli ambienti della casa, anche se la loro collocazione ideale è su finestre di grandi dimensioni o su vetrate. La quarta tipologia ci mostra le tende a rullo. Sono delle tende con alti sistemi tecnologici che consentono un pieno avvolgimento in pochi centimetri. Adatte ad ogni ambiente. La quinta ed ultima tipologia espone le tende tecniche, le plissè, le verticali, le veneziane e le zanzariere. Nate per l’ufficio, ma diffuse in tutti gli ambienti, hanno la capacità di orientare la luce illuminando l’ambiente.

Secondo una curiosità, le origini storiche delle tende risalgono al mondo dell’Oriente.

Alopecia: trapianto come possibile soluzione

La calvizie è una delle condizioni che affliggono un numero sempre più elevato di persone, costituendo, in molti casi, un vero e proprio handicap in grado di suscitare un profondo senso di inadeguatezza a chi ne è affetto.

A seconda dal sesso e dall’età di chi ne è portatore, il ricorso a metodi scientifici di varia tipologia è quasi un passaggio obbligato. Soprattutto tra i pazienti più giovani, quando l’alopecia insorge in età adolescenziale dà luogo a notevoli limitazioni nella vita sociale di tutti i giorni. Avere una chioma da pettinare, colorare e mostrare nelle varie occasioni della quotidianità diventa di fondamentale importanza.

Tuttavia, se è pur vero che ai nostri giorni l’impiego di ausili alternativi, quali parrucche ed extension, diffusi largamente nel mondo dello spettacolo e della moda, possono essere una soluzione provvisoria, la rinuncia ad avere i propri capelli è ancora lontana.

La medicina tradizionale, nel panorama della chirurgia estetica innovativa, offre due tipologie di intervento, denominate F.U.T. e F.U.E. Come ampiamente spiegato sul portale scientifico Cesareragazzi.com, il leader italiano nell’infoltimento di capelli non invasivo e nel benessere del capello e del cuoio capelluto, si tratta di due pratiche all’avanguardia, con un ridotto livello di invasività, eseguibili in anestesia locale, con una lieve sedazione praticata da un medico anestesista sempre presente in tutta la durata dell’intervento, tale da garantire al paziente un clima sereno volto al pieno soddisfacimento del risultato mirato.

Andando ad approfondire nel dettaglio le tecniche sopra citate, cominciamo con la F.U.T., Follicular Unit Transplantation, conosciuta anche come l’intervento di autotrapianto. Si tratta di un prelievo di una sottilissima porzione di cuoio capelluto, estrapolata dalla regione occipitale. Tale area viene suturata mediante una tecnica di microchirurgia tale da produrre una cicatrice spesso non visibile. La porzione di cuoio capelluto viene poi analizzata e sezionata da personale specializzato che ne realizza la produzione di molteplici unità follicolari pronte ad essere trapiantate dal chirurgo nell’area ricevente, nel corso dell’intervento.

La seconda pratica chirurgica già anticipata è la F.U.E., Follicular Unit Extraction. Consiste nell’asportazione dalle aree occipitale e parietale di piccole unità follicolari, trapiantate subito dopo nella zona ricevente, mediante il supporto di specifiche apparecchiature di impianto.

Tra le due tecniche possiamo riscontrare dei particolari vantaggi in riferimento alla F.U.E., in quanto sicuramente meno invasiva della F.U.T. e con margini di cicatrici meno visibili. Nondimeno, la F.U.E. è più consigliata per un grado di alopecia che coinvolge piccole porzioni del soggetto, soprattutto riguardanti la peluria che interessa le zone del viso, come le sopracciglia, i baffi o la barba. Un elemento positivo della F.U.T. è il mantenimento della lunghezza dei propri capelli, in fase di trapianto, cosa non consentita dalla F.U.E., nella quale viene richiesto al soggetto un taglio rasato, fino alla radice.

Un rimedio naturale contro la calvizie, per favorire l’ossigenazione del cuoio capelluto, consiste nell’applicazione locale, limitatamente a brevi periodi, di sostanze vasodilatatori, dette rubefacenti, quali il peperoncino, il mentolo, la canfora, la cannella, la jaborandi, il ginepro, l’arnica e il rosmarino.

Trenitalia: cambia biglietto treni regionali

TrenitaliaDal 1 Agosto 2016, cambia il biglietto per viaggiare sui treni regionali. La prima novità consiste nella data esatta indicata dal viaggiatore al momento dell’acquisto del biglietto. Se confermato, il ticket di viaggio sarà valido fino alle 23.59 dello stesso giorno per il quale è stato prenotato. Inoltre, l’obliterazione sarà valida per le successive quattro ore. Se passate le quattro ore il viaggiatore risulterà ancora sul treno, il biglietto non sarà scaduto, la validità permane fino al raggiungimento della destinazione di arrivo.

Sarà possibile acquistare il biglietto fino a quattro mesi prima della data di partenza. Mentre per il cambio della data c’è tempo fino alle 23.59 del giorno precedente alla data prevista. Tale cambio, consentito un’unica volta, sarà gratuito se effettuato presso le self service e le biglietterie Trenitalia, mentre prevede una commissione extra pari a € 0,50 se ci si rivolge ai punti vendita SisalPay, LisPaga di Lottomatica e SIR Tabaccai. Commissioni di importo variabile invece presso le agenzie viaggi. Per il cambio itinerario e il rimborso, in caso di rinuncia al viaggio, vengono applicate le stesse regole orarie.

Intensificata, in proposito, la campagna di controllo e misura sanzionatoria da parte della compagnia Trenitalia.

Google Camp 2016 per la terza volta ad Agrigento

Agrigento_ValleSi svolgerà per la terza volta consecutiva questa sera 1 agosto il Google Camp all’interno della Valle dei Templi di Agrigento.

Moltissimi gli ospiti attesi come l’anno scorso, non mancheranno infatti Bill Gates, i fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin, la direzione musicale sarà affidata a Diego Maggi, produttore milanese, la star mondiale Alicia Keys che delizierà gli ospiti illustri con la sua voce e le sue canzoni, ospiti anche un gruppo agrigentino, gli Four on six band, sarà presente l’attrice hollywoodiana Charlize Theron, per la terza volta consecutiva il cantante Jovanotti che farà ascoltare i suoi successi ai colossi di Google, poi ci sarà Giorgio Armani e moltissime altre star mondiali e di casa nostra.

Tutti gli ospiti ceneranno ai piedi del Tempio della Concordia di Agrigento, dove per l’evento è stata allestita una grande tavolata e un’illuminazione speciale, al centro un pianoforte per gli ospiti, tutto avvolto da una schiera di sicurezza che circonda tutta l’intera area della Valle dei Templi, che non sarà più accessibile dalle ore 16 di oggi pomeriggio in poi, né a piedi né con i mezzi.

Dopo la cena, i colossi di Google e le star intervenute, saranno ospiti del Verdura Resort di Sciacca fino al 3 agosto, e faranno anche lì una cena il 2 agosto nella piazza principale, anche in questa occasione inaccessibile ai curiosi e alla gente del posto, dove seguirà uno spettacolo pirotecnico suggestivo, visibile a tutta la cittadinanza.

Alle due città di Agrigento e Sciacca va un contributo economico ed il prestigio dell’evento mondiale, alla Valle dei Templi di Agrigento va un contributo di 100.000€, mentre al Comune di Sciacca va un compenso di 45.000€.

E’ morta l’attrice Anna Marchesini

anna-marchesiniSe ne è andata oggi una grande attrice comica del cinema e della tv italiana, a 62 anni è morta Anna Marchesini.

A darne l’annuncio è stato il fratello Gianni tramite Facebook: “Prima che lo sappiate da quel tritacarne dell’informazione – dice in un post – tengo a dirlo io. Ora in questo momento è morta mia sorella Anna Marchesini. Grazie a tutti. Non sarò in grado di rispondervi”.

L’attrice era malata da tempo di artite remautoide, avrebbe compiuto 63 anni a novembre.

Conosciuta al grande pubblico insieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez, insieme formavano il Trio comico Solenghi-Marchesini-Lopez che con la loro comicità hanno fatto divertire intere generazioni di pubblico.

I funerali si svolgeranno lunedì, ad Orvieto, città natale dell’attrice.

Truffa Whatsapp distrugge smartphone

Truffa WhatsappL’ultima truffa nel mondo della tecnologia si presenta sotto forma di un messaggio che annuncia la violazione dei termini di servizio di Whatsapp, invitando l’utente destinatario a cliccare su un link per verificare lo stato del proprio account e prevenirne la disattivazione.

La Polizia Postale, sul profilo Facebook Una vita da social, #‎OCCHIOALLATRUFFAesorta gli utenti a non cliccare sul link contenuto nel messaggio e a cestinarlo nell’immediato.

I rischi vanno dalla perdita di tutti i dati sul proprio smartphone al danneggiamento irreversibile della scheda madre.

Cos’è il bail-in? Hello bank! lancia l’infografica dedicata

Hellobanck infografica_BAIL-IN

Tutti i consigli per risparmiare in modo sicuro

A cinque mesi dall’introduzione della nuova normativa europea sulle crisi bancarie (Bank Recovery and Resolution Directive – BRRD), l’entrata in vigore del bail-in continua a suscitare non solo confusione fra correntisti, azionisti e obbligazionisti, ma anche polemiche da parte delle forze politiche del nostro Paese.

In un contesto di crescente preoccupazione intorno alla legittimità e alla flessibilità del meccanismo che prevede il ricorso alle risorse interne della banca per arginare i costi di un’eventuale crisi e salvare l’istituto dal fallimento, Hello bank! dedica una sezione del proprio sito alle novità introdotte dal BRRD e diffonde un’infografica che illustra in maniera semplice ed efficace il funzionamento e gli attori della nuova direttiva europea.

Secondo quanto illustrato nell’infografica della banca digitale del Gruppo BNP Paribas, a partire dal 1° gennaio 2016 per tutelare i contribuenti è stato introdotto a livello europeo il cosiddetto bail-in (letteralmente, salvataggio interno), per cui in caso di crisi a ricostruire il capitale sarebbero prima gli azionisti della banca, poi i possessori di titoli subordinati, obbligazioni e depositi oltre i 100mila euro.

Per dissolvere dubbi e perplessità dei clienti intorno al provvedimento di cui più volte negli ultimi mesi è stata richiesta la modifica e addirittura la sospensione, Hello bank! ha lanciato un’infografica dedicata. Secondo la normativa, gli strumenti che non saranno in alcun modo coinvolti nelle procedure per il salvataggio interno delle banche sono:

  • i depositi fino a 100.000 euro, perché tutelati dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e dal Fondo di Garanzia dei depositanti del Credito Cooperativo;
  • le obbligazioni garantite, come i covered bond;
  • i titoli depositati in un conto titoli (tranne nel caso in cui i titoli siano stati emessi dalla banca coinvolta nel bail-in);
  • le disponibilità dei clienti in custodia presso la banca, come il contenuto delle cassette di sicurezza;
  • i debiti della banca verso i propri dipendenti, fornitori, fisco ed enti previdenziali.

Alla luce della nuova normativa europea sulle crisi bancarie, la scelta della banca cui affidare i propri risparmi diventa dunque ancora più importante e accurata. 

Ecco perché, nella valutazione dell’istituto di credito cui affidare i propri risparmi, la banca digitale del Gruppo BNP Paribas suggerisce di tenere in considerazione i seguenti parametri fondamentali:

  • il rapporto patrimoniale CET 1, indice di una gestione del rischio efficace. Più è alto, più la banca è solida;
  • il rating delle agenzie internazionali sulla solvibilità di una società che emette obbligazioni;
  • il valore dei CDS (Credit Default Swap, una forma di assicurazione sui titoli obbligazionari), che misurano la percezione dei mercati sul potenziale rischio di default di una banca.

Per ulteriori approfondimenti sul bail-in e la gestione di una crisi bancaria è possibile consultare anche la guida realizzata dalla Banca d’Italia raggiungibile a questo link.
Hellobanck infografica_BAIL-IN

Un rene in regalo

resource.image_11Una donna di Milano di sessant’anni ha donato un rene in vita, generando una vera e propria catena di donazioni che hanno salvato la vita a ben quattro persone.

Il rene donato dalla donna ha salvato un paziente ricoverato presso l’ospedale di Pisa. Contemporaneamente, tre parenti del paziente ricevente la donazione, disposti a donare anche loro, ma incompatibili con il proprio congiunto, hanno avviato una “catena” di aiuto, donando a loro volta un rene a tre pazienti italiani risultati compatibili.

Le operazioni chirurgiche complessive di donazioni e trapianti, durate in tutto trentatré ore, hanno coinvolto cinquantacinque persone, tra medici, infermieri, rianimatori e poliziotti che si sono occupati del trasporto degli organi.

Il ministro della salute, Beatrice Lorenzin, ha evidenziato l’importanza della donazione da vivente cross-over, grazie alla quale si è resa possibile la realizzazione di questa catena di donazioni e trapianti.L’evento si è verificato in Italia per la seconda volta. Prima della donna, anche un altro cittadino milanese ha effettuato una donazione in vita.