Una passeggiata con i fantasmi

Locandina Passeggiata con i fantasmiRiceviamo e pubblichiamo un invito a partecipare ad una bellissima iniziativa dal titolo “Una passeggiata con i fantasmi“.

Nella città di Leno (Brescia), oggi e domani, sarà possibile passeggiare all’interno della suggestiva Villa Badia, dalle ore 20.45 in poi.

Questa sarà la “Passeggiata con i fantasmi”, perché i fantasmi sono presenti nelle nostre menti, convivono, si scontrano e crescono insieme alle paure più intime, un itinerario nel sovrannaturale accompagnati dagli attori del Teatro CaraMella.

Una passeggiata tra ombre, racconti e legende all’interno della Villa Badia, storica dimora nota per essere stata eretta sulle spoglie di un monastero benedettino.

Per oltre 1000 anni su questa terra hanno vissuto, e poi lasciato il mondo terreno, generazioni di uomini e monaci. Sarà forse per questo che, da sempre, si narra di alcune presenze che ancora vi dimorano.

Un percorso accompagnato da personaggi inquietanti, che guideranno i visitatori all’interno del parco, dei sotterranei e delle grandi sale della Villa.

La passeggiata con i fantasmi si terrà Venerdì 18 ottobre, con replica il giorno successivo, sabato 19 ottobre. Inizierà alle 20.45; con la possibilità di un secondo turno alle 22.00.

L’ingresso alla serata è di 7 euro l’intero, 5 euro ridotto (soci Fondazione Dominato Leonense, dipendenti Cassa Padana, studenti e over 60).

Per prenotazioni:

Tel. 030-9038463/331-6415475

e-mail: ilteatrodidesiderio@libero.it

web: www.fondazionedominatoleonense.it / www.teatrocaramella.it

Calogero Vignera

Il mistero dell’Area 51

area51signEccoci al quarto appuntamento della rubrica del Mistero. Oggi parliamo del Mistero dei Misteri, la base americana chiamata Area 51.

Nevada Test Site-51, oggi chiamata Area 51, è una base militare americana di 26.000 km quadrati, si trova nel villaggio di Rachel, a circa 150 km da Las Vegas, nel Nevada.

Questa immensa area militare non risulta in nessuna cartina stradale, non vi sono indicazioni o strutture visibili a persone estranee.

Tutta la zona è off limits, vigilata da guardie private di sicurezza armate e autorizzate a sparare se ci sono intrusi che superano le barriere di sicurezza. Se un trasgressore viene bloccato dalle guardie viene accompagnato fino al confine e consegnato allo sceriffo, viene contestata una multa di 600$, ma alcuni visitatori che hanno trasgredito, superando le barriere, hanno successivamente ricevuto anche la visita dell’FBI.

In tutta la zona è vietato fotografare e  fare videoriprese, tutta la zona è coperta anche da sensori di movimento e controllata dall’alto con elicotteri militari.

Ma perchè tutto questo mistero su questa base?

Alcuni ufologi sostengono che proprio in quella base vengono nascoste delle navicelle spaziali extraterrestri e con i mezzi potenti vengono tenuti contatti con entità extraterrestri.

Ex lavoratori dell’Area 51 hanno rilasciato delle interviste dove confermavano la presenza di extraterrestri morti all’interno dell’Area 51, dove studiosi ne studiano i corpi, ma parlano anche di contatti veri e propri tra alte uniformi americane ed extraterrestri in visita al nostro pianeta.

Alcune persone hanno visto anche volare sopra l’Area 51 molti dischi volanti.

Un mistero tenuto ancora Top Secret, ma cosa nasconde in realtà l’Area 51? Cosa viene nascosto al mondo?

Per vedere tutta l’Area 51 Clicca Qui

Calogero Vignera

Il fantasma di Azzurrina: tra paura e curiosità

Azzurrina 2Nel terzo appuntamento della rubrica del mistero, vogliamo parlare di un mistero tutto italiano. Si tratta del fantasma della piccola Guendalina, ma conosciuta da tutti come Azzurrina.

Ci troviamo a Montebello (RN), nel anno 1375 la piccola Azzurrina scomparve misteriosamente nel nevaio della fortezza di Montebello, residenza di famiglia della piccola Azzurrina, che in quegli anni aveva la tenera età di 5 anni.

Da allora non è stato trovato nessun corpo, e non fu mai più ritrovata.  Ma da quel momento ogni anno, da circa tre secoli, la piccola ritorna a farsi sentire con un pianto e delle grida, che vengono udite in tutta la fortezza dai vari visitatori e studiosi che la vanno a visitare.

Nel 1990 un gruppo di studiosi con potentissimi mezzi di registrazione, riuscì a registrare le grida della piccola, da questa registrazione ne seguono altre tre, tutte effettuate il 21 Giugno di ogni anno, giorno in cui la piccola Azzurrina scomparve.

Un mistero che ancora oggi ci affascina e attira moltissimi curiosi a visitare la fortezza, dove vengono fatte ascoltare le registrazioni originali fatte dagli studiosi.

Per info Clicca qui.

Calogero Vignera

La lettera del Diavolo

la lettera del diavoloEccoci al secondo appuntamento dei Misteri più affascinanti del nostro pianeta.

Oggi parliamo della famosa Lettera del Diavolo, custodita preziosamente alla Cattedrale di Agrigento.

Si tratta di una missiva scritta in caratteri incomprensibili, custodita dentro un manoscritto.

La storia racconta che questa lettera fosse stata consegnata a Suor Maria Crocifissa della Concezione  (al secolo Isabella Tomasi), direttamente dal Diavolo in persona, che chiese alla suora di porre la sua firma sul foglio, ma la suora non capendo il suo significato, si limitò a scrivere solo la frase “Ohimè”.

Da anni molti studiosi hanno provato invano a decifrare le parole scritte, ma senza alcun risultato.

Le parole sono un misto di Greco e Arabo, ma in un linguaggio molto difficile appunto da tradurre.

Nella lettera si è potuto decifrare soltanto la frase “Ohimè“, e la firma posta dal Diavolo.

La suora fu dichiarata Venerabile da Papa Pio VI, ed è sepolta nel suo Monastero di clausura a Palma di Montechiaro (Ag).

Questa lettera rimane un mistero del perchè il Diavolo la dette alla suora e del suo significato.

La lettera non è visibile al pubblico, è stata mostrata solo nel 2009 con la sua esposizione, in una stanza sotto blindatura della Cattedrale di Agrigento, dove anche io ho avuto modo di vederla.

Calogero Vignera

Il Mostro di Loch Ness

NessieFasulloDa oggi inizia su Voglio Sapere una serie di articoli dedicati al mondo dei misteri e sui grandi enigmi della nostra terra.

Oggi parliamo del grande mistero del mostro di Loch Ness.

Il primo avvistamento del mostro avvenne il 14 aprile 1933, avvistamento fatto dai coniugi Mackay, proprietari di un Hotel della zona.

I coniugi raccontano che stavano rientrando a casa dopo una gita, erano le tre del pomeriggio, quando ad un tratto la donna grida al marito che c’è un essere mostruoso nel lago.

Una grande sagoma scura, che subito dopo si inabisso nel lago.

Da quel giorno ad oggi sono centinaia gli avvistamenti del mostro, alcune documentate con foto e video, che ogni volta fanno il giro del mondo.

Quella del mostro di Loch Ness è una delle più grandi storie del mistero che ci affascina da sempre, anche se svariati controlli del sottosuolo marino, e telecamere puntate ogni giorno in streeming (per il link clicca qui), non hanno dato altri risultati ufficiali della sua esistenza.

Voi che ne pensate?

Calogero Vignera